IL GRANDE CALDO (The Big Heat)

Regia: Fritz Lang
Cast: Glenn Ford, Gloria Grahame, Lee Marvin
Sceneggiatura: Sydney Boehm, William P. McGiven
Anno: 1953
Genere: Noir
Durata: 87 minuti circa

Dopo il suicidio di un poliziotto e l’omicidio della sua amante, l’investigatore Dave Bannion (G. Ford) cerca d’indagare sull’avvenimento. I superiori cercano però d’impedirgli d’andare avanti, fino al punto di licenziarlo, in quanto alle due morti è collegata la figura di Lagana, l’uomo politicamente ed economicamente più importante della città. Il protagonista continua comunque ad investigare.
Inoltre, da quando sua moglie viene assassinata da dei gangster, sarà la sete di vendetta a possederlo e a spingerlo con ogni forza a tentare
d’incastrare i colpevoli.
Il grande caldo è considerato uno dei capisaldi del noir anni ’50 e uno dei migliori film americani di Fritz Lang.
Il cineasta tedesco firma una delle sue opere più politiche e graffianti, mostrando quanto il potere (dai politici alla polizia) sia corrotto, protetto e colluso con la criminalità organizzata.
Come nelle pellicole precedenti quali M – Il mostro di Dusseldorf (1931) e Furia (1936), Lang dimostra di non avere alcuna fiducia nella giustizia ufficiale, quella organizzata e istituzionale, vuoi perché corrotta, vuoi perché incapace.
Non si deve pensare, però, che il regista sia favorevole alla vendetta e alla giustizia “fai da te”, in quanto nel caso di The big heat (titolo originale del film) il vendicatore solitario diventa violento e pericoloso quasi quanto le persone contro cui vuole combattere, usando talvolta i loro stessi metodi.
In questo senso è bene citare una frase di Lang a proposito della distinzione tra “buoni” e “cattivi”: “Ci sono solo due categorie di persone: i cattivi e i molto cattivi. Ma noi siamo giunti ad un accordo e chiamiamo buoni i cattivi e cattivi i molto cattivi”.
Altra tematica della pellicola è la violenza presente nella nostra società e dentro noi stessi.
Il film, infatti, è considerato come uno dei più violenti degli anni ’50 e non è un caso che l’inquadratura iniziale mostri una pistola.
Anche se la scelta è stata praticamente obbligata da un censore, in quanto non voleva che si mostrasse in campo un suicidio, ritenendolo troppo crudo per lo spettatore, non si può negare il fatto che l’inquadratura e tutta la scena d’apertura del film risultino molto efficaci per mostrare fin da subito le intenzioni del regista.
D’altronde, in questo noir sono presenti omicidi, esplosioni, malmenate, ecc., ma tutto, o quasi, avviene fuori campo, suggerendo e non mostrando direttamente la violenza al pubblico. 
In un’intervista, Lang dichiarò che la scelta di suggerire la violenza invece di mostrarla direttamente, serviva a coinvolgere lo spettatore in modo più forte e profondo.
Quello che veramente interessa al regista tedesco non è tanto mostrare la violenza in sé e fine a se stessa, quanto riflettere su di essa e sulle conseguenze che provoca.
Come nelle sue opere precedenti, comprese quelle tedesche, il regista affronta il tema del doppio.
Infatti, in Il grande caldo tutto, o quasi, ha una duplice valenza: l’investigatore Bannion che da un lato rappresenta il poliziotto onesto dalla famigliola felice, ma che dall’altro si dimostra vendicativo e violento; la pupa del gangster interpretata dalla Grahame, da una parte cinica nell’accettare i soldi e il lusso sporco del compagno, dall’altra persona stanca degli omicidi e dei soprusi che vede commessi quotidianamente; la villa di Bannion, apparentemente “per bene”, ma che in realtà serve per orribili complotti.
L’immagine che più di altre racchiude tale argomento è quella del volto mezzo sfigurato della Grahame: il bene e il male in una figura sola, in una persona sola.
L’idea è entrata così nell’immaginario, che Almodovar l’ha citata nel film Che ho fatto io per meritare questo? (1984).
Alcune fasi del racconto, come scritto nel libro L’età del noir di R. Venturelli, sembrano procedere quasi come un western: dalla scena dello scontro al bar tra G. Ford e L. Marvin (il capo banda dei gangster) alla sparatoria finale.
Questo non è casuale, in quanto il western affronta temi come la vendetta, la violenza, il conflitto tra giustizia ufficiale e individuo, problematiche trattate anche dal noir.
Piccola curiosità: l’espressione The big heat, nel gergo della malavita americana sta a indicare un’azione più aspra e forte della polizia contro la criminalità.
Considerando che nel film l’unico che porta avanti dall’inizio alla fine la lotta contro i gangster è un solo investigatore e che, in gran parte, la conduce fuori e contro le istituzioni di cui faceva parte, viene da porsi una semplice domanda: il titolo è ironico?

Annunci

4 commenti Aggiungi il tuo

  1. celebs ha detto:

    Hello, I log on to your blog regularly. Your writing style is witty,
    keep up the good work!

  2. anxiety blushing ha detto:

    You can also mix vinegar and baking blushing problem
    soda are examples of low-GI foods. You should also find a product to help you fight blushing problem your acne blemishes.
    Give the product time to do it’s job. Eliminating each of the different methods of correcting the acne on your back, and can include redness, peeling skin and a healthier body. Acne is a skin condition characterized by pustules on the skin by removing the top layer of skin while heating the sublayers of the skin.

  3. shingles vacine ha detto:

    It used to be one of the doctors that I work with to look at myself in the mirror, I now stare at them, in the slight
    hope they will disappear it never works. Forgetting its inconvenient timing, I
    am guessing he would rather have those spots right about
    now. Viagra, Cialis and Levitra are among the most popular pills that can be taken daily.
    Hand washing after coming into contact with active Hiv
    And Shingles.

  4. Having made use of a press release submission to showcase many of my blogs I always make
    sure that I access the well-established news wires to distribute my press release.
    I had tried using the free pr online sites but you truly do get what you pay for.
    A press release is too mighty a marketing
    strategy to be cheap on. A paid distribution service like SBWire,
    PRBuzz, Email Wire et al not only give your trade name outstanding
    publicity but additionally strong one-way links and targeted traffic.

    That is why I always make use of a press release once my
    website goes online and allow it to work its magic!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...