LA FABBRICA E LA CITTA’

LA FABBRICA E LA CITTA’: QUANDO L’UNIVERSITA’ VA OLTRE IL CAMPUS

L’idea di studiare la recente storia industriale della città di Savona non è sorta a caso nel campus universitario della “città della Torretta”.

Una città ricca di storia, una città che grazie al mare è stata sempre sulla cresta dell’onda per quando riguarda il commercio, oltre che estrema speranza per dissidenti politici come Filippo Turati che da qui prese il largo di per la Francia quando il fascismo non tollerava più altre correnti di pensiero. Una città che aveva plasmato il carattere di Sandro Pertini e subito come nessun’altra il difficile clima degli anni di Piombo.

Tutto attorno un territorio potenzialmente ideale sia per il comparto turistico che per quello industriale o artigianale che però, negli ultimi anni, travolto da incertezze e spinte di progresso, sembra aver cancellato e rimosso la sua recente storia: proprio quella che paradossalmente oggi la rende appetibile sia sotto il profilo culturale che imprenditoriale per i suoi turbolenti quanto stimolanti trascorsi.

Gli studenti di Scienze della Comunicazione – che proprio a Savona ha la sua sede – hanno deciso di uscire dalle aule e dalle palazzine e di puntare il proprio interesse a ciò che ha anno attorno. Qui una serie di palazzine in cemento ed eternit nasconde una statua che rievoca disgrazie dimenticate, là una serie di ruspe smuove terreni da cui emergono ruderi e reperti per secoli celati sotto metri di sedimento; dal mare lo skyline della città appare frastagliato e apparentemente caotico (privo quasi di un’unitaria progettazione urbanistica, ma sovrastato da grattacieli, antenne e isolate ciminiere…), dai monti la piana del Letimbro lascia intuire intenzioni mancate, imprevisti della storia e tragedie.

La città parla, dialoga o almeno tenta un approccio con l’abitante o il forestiero che spesso non la sentono, quasi fosse un fantasma a cui pochissimi sono disposti a badare, ad ascoltare, a credere. Eppure le basta poco per farsi capire: invece che articolare un suono, protende verso porticati arrugginite chiavi di volta, targhe e lapidi con nomi di persone (navigatori? poeti? santi?), si palesa con monumenti imponenti e spruzzi d’acqua, si confessa in antiche rovine e in possenti manufatti.

Segni, segni ovunque da interpretare: crepe e sbeccature che sono ciò che rimane di bombardamenti ed esplosioni, slarghi e quartieri moderni frutto di precise scelte ideologiche, costruzioni ormai abbandonate che giacciono in disparte come memento da non prendere troppo sul serio: “Tutto passa” sembrano urlare.

Ecco, questo è il progetto “La fabbrica e la città”. Una ricerca, un tentativo di riprendere un dialogo interrotto bruscamente, di intessere nuovamente un rapporto con la città di Savona e il suo territorio, per comprendere il perché delle scelte attuali e forse per trovare ed eventualmente suggerire il modo migliore di imboccare scelte future.

La città ha molto da dire. Noi la stiamo ad ascoltare…

Osserviamo attraverso le parole di Beppin da Ca’ la Savona ormai scomparsa.

Da “Il secolo breve” di Eric Hobsbawn: il ruolo dello storico nella società contemporanea.

“La distruzione del passato, o meglio la distruzione dei meccanismi sociali che connettono l’esperienza dei contemporanei a quella delle generazioni precedenti, è uno dei fenomeni più strani degli ultimi anni del novecento. La maggior parte dei ragazzi e delle ragazze alla fine del secolo è cresciuta in una sorta di presente permanente, nel quale manca ogni rapporto organico con il passato storico in cui essi vivono. Questo fa sì che gli storici, il cui compito è di ricordare ciò che gli altri dimenticano, siano più essenziali alla fine del secondo millennio di quanto non lo siano mai stati prima. Ma proprio per questo devono essere più che semplici cronisti e compilatori di memorie, sebbene anche questa sia la loro necessaria funzione.”

I promo


Un video realizzato da Lita Cheng per promuovere il documentario


Fanno parte del progetto:

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Laboratorio Audiovisivi Corso di Scienze della Comunicazione – Università degli Studi di Genova

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: