Archivi tag: video

MODULI FORMATIVI /// LABORATORIO AUDIOVISIVI BUSTER KEATON

man-ray1
Ripartono i Moduli Formativi del Laboratorio Audiovisivi Buster Keaton.

In questo anno accademico le attività proposte dal Laboratorio sono di tre tipologie.

arri

1. Modulo Audiovideo Base

Il Modulo Audiovideo Base propone un percorso formativo in grado di fornire una alfabetizzazione al linguaggio audiovisivo pratico.

Il Modulo Base si sviluppa in 5 incontri di 4 ore ciascuno, per una durata totale di 20 ore.
Le attività del Modulo Base sono di tipo individuale.

Nei primi tre incontri sarà necessario elaborare un progetto per un micro-video di un minuto (60″) che abbia come tema il Campus Universitario di Savona.
Verranno realizzate le riprese e il montaggio direttamente dagli studenti.

Sarà vostra cura presentarvi al primo incontro con una o più tracce musicali su penna USB, utili eventualmente per il montaggio del vostro video.

I successivi due incontri saranno dedicati alla realizzazione di un trailer a partire da un film di vostra scelta.

Sarà vostra cura portare al Modulo un film in DVIX su penna USB.

Si consiglia di controllare online i lavori dei vostri colleghi che negli scorsi anni hanno partecipato ai moduli formativi e alle attività del Laboratorio Buster Keaton in generale:

BLOG LABORATORIO

CANALE YOUTUBE LABORATORIO

PAGINA FACEBOOK LABORATORIO

arri2

2. Modulo Audiovideo Avanzato

I progetti del Modulo Audiovideo Avanzato sono rivolti agli studenti che abbiano già frequentato il Modulo Audiovideo Base, e possono essere sviluppati individualmente o in gruppo, per tesi, esami, tirocini o progetti autonomi degli studenti.

Il Modulo Avanzato può inoltre essere promosso su stimolo del Laboratorio Audiovisivi Buster Keaton.

 

nagra1

3. Modulo Audiodoc

A partire da quest’anno sono in corso di attivazione i moduli dedicati all’audiodocumentario.
Il corso, che si sviluppa in tre incontri di 4 ore ciascuno, porta alla realizzazione di un breve prodotto audio di narrazione documentaria.

 

SOUNDCLOUD LABORATORIO

Si consiglia l’iscrizione al gruppo del Laboratorio Buster Keaton su facebook. Il sistema più rapido per restare aggiornati in merito alle attività del Lab:

GRUPPO FACEBOOK LABORATORIO

Per le iscrizioni ai moduli, ulteriori richieste informazioni e qualunque chiarimento:

diego.scarponi [at] unige.it

Annunci

#AKROPOLIS2015 /// SENZA NIENTE 2 – Il Presidente

Il Presidente è un monologo con Marina Visentini come unica attrice, questo spettacolo fa parte di un progetto di 4 monologhi.
Ogni monologo vuole sviluppare la situazione odierna dei teatri negli ultimi anni.
Lo spettacolo cerca di fotografare una realtà che entra anche nella vita quotidiana dell’ artista e di chi vive il teatro, dandoci un profilo interessante e particolare, entrando proprio nei particolari di vita il tutto con tratti critici e testimoniando una situazione che rimane spesso velata.

Qui vi lascio la sua interpretazione video a cura del Laboratorio Buster Keaton:

Ritroviamo il tema della donna già affrontata in questo articolo, in cui si è vista la “trasformazione” della donna, mentre qui si analizzano altre sue doti ad esempio delle situazioni in cui essa si trova in difficoltà, nei casi di pregiudizio, oppure favorita nel momento in cui usa la sua femminilità come arma a suo vantaggio, il tutto sempre in maniera etica e morale.

L’artista Marina Visentini dice di ritrovarsi in questo personaggio, soprattutto nelle questioni di rigidità e severità.

Lo spettacolo è stato ripreso da:
-Michela Vernazza
-Guido Ottonello
-Alberto Pirisi
-Chiara Moreschini

il montaggio del video è a cura di Michela Vernazza.
il lavoro è stato supervisionato da Scarponi Diego.

TEATRO MAGRO
Regia: Flavio Cortellazzi
Con: Marina Visentini
Lo spettacolo si è svolto a Villa Rossi Martini (Ge) il 18 Aprile 2015

Link di approfondimento:

http://www.teatroakropolis.com/evento/festa-spettacoli-musica-performance/

Scrittura articolo a cura di Luigi Vicidomini

MEMORIA DI CARTA. INTRODUZIONE

Marino Bartolomeo in California
Marino Bartolomeo davanti all’ufficio postale di Haiwee, California

Il progetto Memoria di carta è il frutto della collaborazione del Laboratorio Buster Keaton con l’Ecomuseo della pastorizia della Comunità Montana della Valle Stura. L’idea parte dal ritrovamento del diario di viaggio di Marino Bartolomeo, pastore emigrante che, già dedito alla transumanza delle pecore tra Italia e Francia, nel 1902 partì da Vinadio (Cuneo) per raggiungere Big Pine, nella lontana California. Qui, insieme a un compagno originario di Bergemoletto (Cuneo), tenne un gregge di ben diecimila pecore fino al 1909, anno in cui fece ritorno al paese natale.
Lo scopo del progetto è quello di rielaborare e far rivivere questa testimonianza storica, la Memoria di carta, attraverso il linguaggio audiovisivo.
L’interesse per la “piccola” vicenda di Marino Bartolomeo è dovuto alla sua centralità nell’intreccio di varie tematiche di grande rilevanza storico-culturale, quali la transumanza, l’emigrazione dall’Italia verso altri paesi europei e del continente americano, lo studio e la conservazione delle tradizioni della cultura occitana, il processo di scolarizzazione considerato nello specifico periodo che va dall’Unità d’Italia agli inizi del ‘900.
Guidati dallo storico Walter Cesana ci siamo recati a Vinadio dove, oltre a fare alcune riprese per il documentario, abbiamo raccolto testimonianze da chi questa storia l’ha vissuta da vicino.

Di seguito, alcuni estratti dal diario di Marino Bartolomeo, scritto durante il viaggio di ritorno, da Big Pine (California) a Vinadio (Cuneo):

Marino Bartolomeo nella Death Valley col suo gregge

“12 Venerdì,
comincia a farsi giorno, sono a Sacramento. Sono arrivato a San francisco prima mezzo giorno, sono andato ad alloggiare ad un othel italiano.
Dopo pranzo ho fatto un giro in città poi, ho fatto il cambio della mia moneta ed ho preso il biglietto per il mio passaggio che mi costa scudi 124,50, fino a Marsiglia.”

“28 Domenica,
questa mattina mi son levato, ho preso un po’ di caffè poi sono uscito sul ponte, mi sento bene, quasi tutta la gente è fuori. Credo che domenica che viene come quest’oggi sarò in compagnia di qualcheduno e vorrò andare alla messa.
Sono dopo pranzo, ho mangiato un pochettino, mi trovo bene, il tempo è alla pioggia, ma il mare è tranquillo, ho passato tutta la mattina di fuori, credo che domani sera arriveremo a terra, tutta la gente è contenta.
Sono dopo cena, tutta la gente è di fuori, chi canta, chi grida, il tempo è bello.”

Per conoscere la storia nei dettagli, un’introduzione al progetto e la lettura integrale del diario…
(legge Giulia Cattaneo)

AUDIO INTRODUZIONE MEMORIA DI CARTA  *

AUDIO LETTURA DIARIO DI MARINO BARTOLOMEO

Infine, seguono cinque interviste fatte a chi ha vissuto e studiato da vicino la storia di Marino Bartolomeo e della sua testimonianza scritta, la Memoria di carta.

* Errata corrige: In questa introduzione audio, intorno al punto 2′ 44”, viene erroneamente detto che Marino Bartolomeo si imbarca a New York per sbarcare a Marsiglia. In realtà egli non sbarcherà a Marsiglia in quanto perderà, o gli verrà rubato, il biglietto per quella traversata. Sarà quindi costretto a comprarne un altro e a viaggiare su un’altra nave che toccherà il continente europeo a Le Havre.

PIANO E SANSA – PENSARE LA SOCIETA’ MULTIETNICA

Gli studenti della Specialistica in Comunicazione Sociale e Istituzionale alle prese con famosi discorsi pubblici, con proposte per il territorio in cui vivono e con il confronto serrato con un giornalista ‘scomodo’ come Ferruccio Sansa…

Video interpretati, realizzati e montati interamente dagli studenti iscritti alla Laurea Specialistica.

SCAFURO E SANSA – NO ALLA SPECULAZIONE A FINALE

Gli studenti della Specialistica in Comunicazione Sociale e Istituzionale alle prese con famosi discorsi pubblici, con proposte per il territorio in cui vivono e con il confronto serrato con un giornalista ‘scomodo’ come Ferruccio Sansa…

Video interpretati, realizzati e montati interamente dagli studenti iscritti alla Laurea Specialistica.

KUNDZICZ E SANSA – UNA CATTOLICA INTERROGA LA CHIESA

Gli studenti della Specialistica in Comunicazione Sociale e Istituzionale alle prese con famosi discorsi pubblici, con proposte per il territorio in cui vivono e con il confronto serrato con un giornalista ‘scomodo’ come Ferruccio Sansa…

Video interpretati, realizzati e montati interamente dagli studenti iscritti alla Laurea Specialistica.

MELLINO E SANSA – MINIMOTO IN VALBORMIDA

Gli studenti della Specialistica in Comunicazione Sociale e Istituzionale alle prese con famosi discorsi pubblici, con proposte per il territorio in cui vivono e con il confronto serrato con un giornalista ‘scomodo’ come Ferruccio Sansa…

Video interpretati, realizzati e montati interamente dagli studenti iscritti alla Laurea Specialistica.

SOLO ANDATA. IL VIAGGIO DI UN TUAREG – F. CARAMASCHI

Dal deserto del Sahara alle fabbriche del nord est italiano è il viaggio di sola andata che ha intrapreso una famiglia di tuareg del Niger. Che cosa spinge un nomade a lasciare il deserto dove c’è solo terra per un paese dove ci sono solo case e cemento? Cosa si aspetta di trovare e cose in realtà trova? Un salto nel vuoto, un viaggio che di solito è di sola andata, come esprime perfettamente il titolo dell’ultimo documentario di Fabio Caramaschi, Solo andata. Il viaggio di un tuareg (2010). Fotografo e regista, Fabio Caramaschi, continua a sperimentare nei suoi lavori audiovisivi la partecipazione diretta dei personaggi alla realizzazione del documentario e affida videocamere direttamente ai protagonisti delle sue storie per fare riprese e interviste mettendoli nella condizione di partecipare in prima persona evitando di essere traditi da occhi esterni.

Caramaschi, già nel suo documentario Residence Roma. Questo albergo non è una casa aveva sperimentato l’interazione tra le riprese fatte dagli abitanti delle palazzine di Bravetta alla periferia di Roma e quelle realizzate dal regista, una modalità di lavoro che ha scelto nuovamente per Solo andata nel quale è Sidi, un ragazzo, figlio di un immigrato tuareg del Niger, che racconta la propria esperienza d’immigrazione intervistando direttamente i suoi familiari. Solo andata racconta la storia di due ragazzini che dal deserto del Niger vengono catapultati in Friuli Venezia Giulia. Uno, Sidi, è qui da qualche tempo e sogna di fare il giornalista; l’altro, il piccolo Alkassoum, è rimasto in Niger, nel deserto, perché in un primo momento hanno rifiutato il suo visto, ma riesce a raggiungere la famiglia più tardi, quando, non appena possibile, il padre riesce ad andare a prenderlo.

Il documentario è diviso in tre parti. Nella prima si vedono le vite parallele della famiglia in Italia e del piccolo Alkassoum in Niger: si scoprono i sentimenti e la condizione di Sidi, di suo padre, della sorella e della comunità tuareg in Italia. Nella seconda Caramaschi segue il viaggio del padre in Niger per andare a prendere Alkassoum: e c’è il confronto con la vecchia generazione e l’intervista con il nonno di Sidi e Alkassoum ci fa comprendere come quello dei tuareg è un mondo che rischia di estinguersi perché i figli non vogliono più fare questa vita. I padri accettano che i figli partano per cercare di dare un futuro diverso, un’istruzione ai bambini che in questo modo saranno trattati con dignità e rispetto, ma allo stesso tempo capiscono che questo li allontanerà per sempre della sabbie del Sahara, dalla loro cultura e dalle loro tradizioni. Nella terza parte si segue l’arrivo e l’ambientazione di Alkassoum in Italia: qui avviene il confronto diretto tra i due fratelli, tra le loro due mentalità, i loro diversi modi di vedere e sentire la situazione nella quale si trovano. L’intervista alternata che i due fratelli si fanno a vicenda con le loro domande e le loro risposte sincere, senza sovrastrutture che le condizionino, sono la chiave migliore di lettura di una realtà complessa.

Solo andata è un documentario che restituisce con rispetto e dignità una storia di migrazione, il racconto stratificato di una stessa storia fatta da diverse generazioni. Il film di Caramaschi per ora è stato proiettato il 7 luglio 2010 all’interno del programma Doc3 su rai tre.

PROMO ONE LOVE/DESTINAZIONE ITALIA

Giovedì 17 novembre 2011 Giornata di Studio Visioni d’Africa presso il Campus di Savona dalle ore 10.00.
Inaugurazione mostra fotografica Volti da altrove alle ore 12.00.
Proieziondi One Love/Destinazione Italia presso il cinema nuovofilmstudio alle ore 20.30.
Alle ore 21.00 proiezione di Solo Andata. Il viaggio di un tuareg.